Da "Run for Peace" all'arte, dalla filosofia a una comunità mondiale


      Marian Kretschmer - Artista libero professionista

All'inizio dell'anno 2014, l'artista Marian Kretschmer progettò il liceo del presidente di allora del CON keniota ( Comitato Olimpico Nazionale), Dr.Kipchoge Keino, ad Eldred ( Kenya), incaricato da lui stesso e da "Elettricità per l'Africa". Dopo questo cominciò il suo volontariato a Kagera vicino Mavuno (Tanzania) , un progetto di permacultura ed educazione, insieme a "Marafiki wa Africa", "cradle to cradle Chemnitz", "spring of help e.V." e "Ingenieure ohne Grenzen e.V. ( ingegneri senza limiti)".

 

Nel 2016 M. Kretschmer dirige la progettazione artistica, pittorica ed illustrativa della corsa pacifica di Roma dedicata al tema: " per la pace, la democrazia e la tolleranza, contro il razzismo." Questa corsa è una maratona per raccogliere donazioni simbolizzando così solidarietà ed integrazione. Saranno dei olimpionici ed altri sportivi con successo provenienti da diverse nazioni a correre da Roma a Wittenberg dopo essere stati congedati dal Santo Padre in persona. Tra le altre cose, Marian preparerà diversi quadri del tema

 

"integrazione di tutte le etnie, le religioni e le culture" ed accompagnerà la corsa facendo una mostra. Un detto tanzaniano, che oggigiorno vale più che mai, dice: " Montagne e valli non s'incontrano, ma gli uomini sì. " Ci sono sempre più persone che sono stufe di farsi fare definire la loro vita e così anche il loro benessere o anche la loro povertà da frontiere erette arbitrariamente. Su un lato ci sono sempre più saccopelisti e una rata crescente d'emigrazione. Sull'altro lato invece ci sono le ondate di profughi verso l'Europa. Considerando questa situazione, sembra più importante che mai elaborare in tutto il mondo dei valori essenziali per poter vivere assieme in modo pacifico. Allo stesso tempo voglio porre l'accento su questi tre temi:

 

perdono - amore - umiltà


La maggior parte delle persone sa all'incirca cosa vogliono dire le prime due parole. L'ultima invece, che secondo me sarebbe quella più importante oggigiorno, non sarà molto conosciuta a tanta gente. Che cos'è l'umiltà? E più che altro, perché dovrei vivere in umiltà? A prescindere dal fatto, che non saprei neanche come farlo in una società del tutto capitalista e liberale.

 

È l'opposto di un modo di agire e di pensare totalmente egoista. L'umiltà però non significa una negazione di se stessi. Si tratta di una vita accurata ed amorevole- dedicata a me e al mio prossimo. L'umiltà descrive una vita senza competizioni. Una vita nella quale ci regaliamo cose alle quali possiamo rinunciare. E ci sono molte cose alle quali possiamo rinunciare vivendo in una società di sovrabbondanza. L'umiltà significa anche di non vivere alle spalle altrui. Proprio questo è il motto di " Marafiki wa Africa e.V.", "Mavuno NGO", "Spring of help e.V." e "Strom für Afrika e.V. ( elettricità per l'Africa)" in Germania e in Tanzania. Porrono l'accento sull'integrazione di culture, sull'educazione, sull'abolizione di barriere, s'un alto livello d'istruzione per ogn'uno e sulla possibilità per ogni uomo di poter condurre una vita sana grazie ad un'alimentazione sana.

 

Ulteriori informazioni: https://theriseofthesleepwalkers.wordpress.com/


più su INSTAGRAM

Marian Kretschmer: INSTAGRAM

di MARIAN KRETSCHMER

Dati personali di Marian Kretschmer
Nel mio lavoro porro l'accento sulla "persona grata"- un concetto d'amore al prossimo, del "trovarsi" nel prossimo e di riflessione nel prossimo. Questo può far sì che l'uomo diventi un essere superiore.
nato nel 1983 a Karl-Marx-Stadt ( Chemnitz, Germania)
a partire dal 7.7.07 illustratore e pittore libero professionista
nel 2011 studi ospitali all'università di grafica e di tipografia a Lipsia (Germania)
nel 2011 membro dell'alleanza d'artisti sassone

dal 2012 vive e lavora a Baden/Zurigo (Svizzera)
dal 2012 residente a Dresda (Germania)

Ulteriori informazioni: sito web Marian Kretschmer